Questo sito utilizza i cookies. Maggiori info

Manhattan Transfer 2015: MOMA, impronte di una mostra

8 dicembre 2015 - di Cristina Cenci

Soldati, uomini spettri e artisti sciamani, chiamati a commemorarli. Opere macerie estratte dalla collezione del MOMA e rivitalizzate da un setting interpretativo che trasforma le sale bianche del museo in un campo di battaglia. Le pareti diventano fantasmi animati di lame, volti ragni, carne ridotta a geometria di morte.  Soldier, Spectre, Shaman: The Figure and [...]

  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Tumblr
  • FriendFeed

Rimbaud flâneur a New York, via Wojnarowicz

25 ottobre 2015 - di enrico pozzi

Il 20 ottobre 1854, 161 anni fa, nasceva a Charleville Arthur Rimbaud, il più grande poeta dell’età contemporanea. Leggerlo è stata ed è un’esperienza fondamentale della mia vita. Le parole su di lui sono tutte consumate: il Voyant, il «poète maudit», l’addio definitivo alla poesia a 20 anni, i mille mestieri in giro per il [...]

  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Tumblr
  • FriendFeed

Il museo senza qualità e Il Costruttore an-estetizzato. El Lissitzky al MART di Rovereto

26 marzo 2014 - di enrico pozzi

  Domenica pomeriggio di sole al MART, Rovereto.  Arrivo da lontano per vedere la mostra di El Lissitzky. Pubblicità a pagina intera sull’inserto Cultura del Sole 24 Ore, lanci redazionali e la foto del bacio russo dappertutto. La mia ragione è Il costruttore del 1924, forma/figura umana del costruttivismo russo. Non può non esserci. Parcheggio [...]

  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Tumblr
  • FriendFeed

Quando lo East Village puzzava ed era vivo – finalmente una mostra del fotografo Peter Hujar

18 gennaio 2014 - di enrico pozzi

Dopo anni di indifferenza, finalmente alla Fraenkel Gallery di San Francisco una mostra importante per le foto di Peter Hujar, la prima abbastanza completa dopo le retrospettive del 2005 al Moma PS1 (Brooklyn), e allo Institute for Contemporary Arts (Londra) nel 2007. Morto di Aids a 53 anni, Peter Hujar è stato uno dei grandi [...]

  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Tumblr
  • FriendFeed

My Sunday Picks

6 novembre 2013 - di Cristina Cenci

  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Tumblr
  • FriendFeed

Street art, ghosts of the crisis, and charismatic madness. Jim Jones’s stickers in the streets of Rome

4 ottobre 2013 - di enrico pozzi

Sequential waves of stickers bearing a Jim Jones’s photo have been flooding many squares and streets in downtown Rome. Reverend Jim Jones was the founder, and the terminal angel of death, of the People’s Temple, a Californian sect-church which committed suicide with a cyanide-laced soft drink on November 18, 1978. The ritual of self-destruction took [...]

  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Tumblr
  • FriendFeed

My Sunday Picks

29 settembre 2013 - di Cristina Cenci

Perilous Task of  Innovation in a Digital Age  [di Margaret Sullivan, New York Times, http://nyti.ms/19MQceA]  Crociere, native advertising e multimedia storytelling: il programma di sopravvivenza del New York Times.   Pictures of a Day Lodged in Memory [di Holand Cotter, New York Times, http://nyti.ms/178Jvpx] L’International Center of Photography di New York dedica una mostra alla morte di JFK in [...]

  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Tumblr
  • FriendFeed

My Sunday Picks

22 settembre 2013 - di Cristina Cenci

La fotografia nell’era degli smartphone sfida la memoria L’autoscatto del presente. Fenomenologia e ubiquità del “selfie”. Vincono (forse) vanità e banalità che però colgono lo spirito del tempo   [di Gianluigi Colin, La Lettura, p. 2]  L’autoscatto con lo smartphone: specchio permanente e puntiforme di un’identità che altrimenti sfugge nella fluidità delle relazioni e degli schemi corporei. [...]

  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Tumblr
  • FriendFeed

My Sunday Picks

3 agosto 2013 - di Cristina Cenci

nn1

  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Tumblr
  • FriendFeed

Il bestiario contemporaneo: antropologia del safari

9 settembre 2012 - di Cristina Cenci

Walt Disney plasma e alimenta l’immaginario contemporaneo sugli animali con la stessa intensità dei bestiari nel medioevo. L’animale, anche il più selvaggio o lontano, diventa umano: ama, odia, soffre, gioisce, soprattutto parla, è portatore di una lezione, di una morale, di un significato, come nei bestiari. Ma cerca il Re Leone il turista che si avventura [...]

  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Tumblr
  • FriendFeed