Questo sito utilizza i cookies. Maggiori info

Ancora sulla vicenda di Marcello Basili. Un piccolo ma perfetto esempio di discorso paranoico.

22 febbraio 2012

 Il 1 febbraio scorso, sul Corriere della sera, Giovanni Bianconi pubblica un articolo su un tal M. B., ex BR ora professore associato, che ha chiesto per vie legali all’archivio Flamini di rendere inaccessibile on line il riferimento al suo passato in nome del diritto all’oblio ( http://bit.ly/w2bnow ).  Mi chiedo il perché di quelle iniziali, [...]

  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Tumblr
  • FriendFeed

Obama signore delle mosche, ovvero Belzebu alla Casa Bianca.

4 luglio 2009

Il potere merita il delirio paranoico. 53 milioni di pagine Google per “Obama kills a fly”, accaduto il  16 giugno. La voce del popolo non mente. Ha sentito che quel modestissimo evento nasconde una verità terribile. Cerca risposte, ma non le trova. Io ho capito, e voglio dire quello che ho capito.

  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Tumblr
  • FriendFeed

Sono tornati gli Gnomi di Zurigo. Paranoia, crisi e capro espiatorio

12 marzo 2009

Sono tornati gli Gnomi di Zurigo. Sono acquattati nelle caverne caveau sterminate delle banche svizzere, nelle isolette dei Caraibi, negli staterelli-mondezza della Polinesia. Hanno le mani adunche, contano senza fine enormi fasci di banconote, carezzano lingotti d’oro.

  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Tumblr
  • FriendFeed

Paranoia ipocondriaca e potere politico: Obama, il vaccino e l’autismo

5 febbraio 2009

Anche si pretende illuminato e progressista, il populismo non può fare a meno di cavalcare la paranoia. Obama ha fatto propria la tesi di una epidemia di autismo collegata al vaccino MMR, quello contro il morbillo, gli orecchioni e la rosolia. Per  esempio il 21 aprile dell’anno scorso, durante la campagna per la nomination contro [...]

  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Tumblr
  • FriendFeed

paranoia (1). Immaginiamo complotti per colpa della morte di dio?

21 dicembre 2007

  Lo pretende Karl Popper, in qualche paginetta di Conjectures and Refutations. “La teoria sociale della cospirazione non è altro che una forma di [...] teismo, di una fede in divinità i cui capricci e desideri governano ogni cosa. Deriva dall’abbandono di Dio e dalla conseguente domanda: Chi c’è al suo posto? Questo posto viene [...]

  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Tumblr
  • FriendFeed