Questo sito utilizza i cookies. Maggiori info

Il mancino come figura dell’alterità

Benjamin Franklin era mancino, così come Escher, Michelangelo, Cesare e Jimi Hendrix. Il libro di Rik Smits, The Puzzle of Left-handedness, analizza le modalità in cui sono stati rappresentati, giudicati e considerati i mancini nel corso dei secoli. David Yourdon ha dedicato al volume una recensione interessante sulla Los Angeles Review of Books.

  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Tumblr
  • FriendFeed

Attualmente non sono presenti commenti per questo articolo.

Lascia un commento

Invia ad un amico

Usa il form sottostante per segnalare questo articolo via mail