Questo sito utilizza i cookies. Maggiori info

Simboliche religiose e corpo sacro nelle rappresentazioni di Silvio Berlusconi. Un libro di Giuliana Parotto di enrico pozzi

Giuliana PAROTTO, Sacra officina. La simbolica religiosa di Silvio Berlusconi, Milano, Franco Angeli, 2007, pp. 107, 15€ Il problema è sopravvivere all’incipit: « L’ascesa politica di Silvio Berlusconi non è certo passata inosservata e ha sollevato numerosi interrogativi e questioni ». Ohibò… Se si riesce ad andare oltre una così desolante piattezza, quello che viene [...]

  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Tumblr
  • FriendFeed

Leggi ferree, postmoderno, élite ‘liquide’: la fine del partito politico secondo Revelli di enrico pozzi

Marco REVELLI, Finale di partito, Torino, Einaudi, 2013, pp. 137, 10€. Un libro serio sul sintomo di un problema molto più serio. Il sintomo è la crisi dei partiti politici in Italia (e nelle società post-industriali). Il problema è la difficoltà di pensare la democrazia rappresentativa e le sue sorti prossime future.

  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Tumblr
  • FriendFeed

Mussolini e il Che a Manhattan. Fantasmi del potere e street art di Cristina Cenci e Enrico Pozzi

Da alcuni anni, le immagini spesso intrecciate di Che Guevara e Mussolini hanno invaso gli spazi classici della street art a Manhattan e a Brooklyn: Wooster Street, la Bowery, Williamsburg, Green Point … ILCORPOgallery presenta una serie di foto di queste immagini. I due autori delle foto hanno aggiunto alla gallery alcune risonanze iconiche prelevate dall’immaginario sociale nord-americano.

  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Tumblr
  • FriendFeed

Può suicidarsi una nazione? Ian Kershaw sugli ultimi 10 mesi della Germania nazista di enrico pozzi

Ian KERSHAW, The End: Hitler’s Germany 1944-45, London, Allen Lane,  2011, 596 pp. Il 1 maggio 1945, le truppe russe raggiungono Demmin, una cittadina di 15mila abitanti nell’ovest della Pomerania. Seguono i consueti saccheggi, gli incendi delle case, il “Frau komm” degli stupri di massa. Niente di più e niente di meno di quanto stava [...]

  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Tumblr
  • FriendFeed