Questo sito utilizza i cookies. Maggiori info
  • Francesco Dimitri

    Francesco Dimitri è uno scrittore, consulente e ricercatore freelance. È interessato a tutti i fenomeni che mettono in luce la dialettica tra ‘immaginario’ e ‘reale’, e che mettono in crisi i confini tra i due poli. Ha scritto di UFO e case stregate, nebbie allucinogene e guerre di strada. Il suo ultimo libro, Alice nel Paese della Vaporità, è tradotto in russo, olandese e francese.

    Precipitare sulla Realtà. Storie del/dal Necronomicon

    Il Necronomicon è un libro di magia inventato dallo scrittore pulp H. P. Lovecraft. Molti lettori credettero che fosse un vero libro, e con il tempo lo è diventato. Ecco la storia dettagliata di come è successo: un episodio che mette in luce alcuni meccanismi di interscambio tra immaginario e realtà, tra il mondo delle idee e il mondo delle cose.

  • Rafael Mandressi

    Rafael Mandressi, storico, è ricercatore del CNRS presso il Centre Alexandre-Koyré - Histoire des sciences et des techniques, a Parigi. Il suo lavoro scientifico si concentra sulla storia della medicina e sui saperi relativi al corpo nell’epoca moderna. Tra i suoi scritti, ricordiamo Le Regard de l’anatomiste: dissections et invention du corps en Occident (Paris, Seuil, 2003), e varie decine di capitoli in volumi e di articoli in riviste scientifiche.

    Gli storici francesi e il corpo

    Da alcuni decenni la storia del corpo sta vivendo in Francia e nei paesi francofoni un periodo di intenso sviluppo. Numerosissimi i lavori e le ricerche. I problemi e gli oggetti d’indagine si moltiplicano, coinvolgendo tutti i periodi storici, le aree geografiche e le aree culturali. La ricostruzione storiografica di questo campo di studi permette di identificarne il perimetro, le sue trasformazioni negli ultimi trent’anni, e le tendenze che lo percorrono attualmente. L’analisi fa emergere le lacune e i limiti teorici della produzione francofona, che rimandano però spesso ai dilemmi euristici più generali di questo settore di indagine. Le note che accompagnano il saggio sono la più esaustiva bibliografia ragionata disponibile a tutt’oggi sulla storia del corpo in lingua francese.

  • Enrico Pozzi

    Enrico Pozzi è docente universitario, psicologo sociale e psicoanalista (SPI/IPA). Si occupa di tutto ciò che sta alla frontiera tra individuo e sociale. Ha diretto la 2a serie de IL CORPO. Sito: www.enricopozzi.eu

    Comunità di cadaveri e reperti di luce. Le foto di Simone Casetta al Museo di Anatomia

    La potente narrazione fotografica di un Museo di reperti anatomiciil Museo di Anatomia normale e patologica dell’Ospedale Forlanini di Roma – esprime alcuni problemi centrali dell’atto fotografico : l’insopprimibile delirio ontologico della fotografia, il rapporto tra fotografia e cecità, la natura indicibile della luce, la necessità del mostruoso per estrarre conoscenza e significato generali da oggetti visivi sempre individuali. Le immagini di frammenti di cadaveri nati o non ancora nati permettono di capire meglio il destino cadaverico del corpo nel Museoogni corpo in un museo è sempre un cadavere. La pelle morta negozia con la luce la capacità di tradursi in pellicola fotografica. I singoli reperti aspirano a costruire una loro socialità visiva, una quasi-comunità di quasi viventi. Il viaggio proposto da Casetta è perciò un itinerario epistemologico sul confine tra corpo, sociale e immagine.

  • Diario paranoico-critico Waiting for Grillo: balbettii paranoici, 2009-2012

    Balbettii paranoici nel discorso politico italiano tra il 2010 e il 2013. Complotti, capri espiatori, totalitarismi tecnocratici, Panopticon, gnomi di Zurigo, l’Evasore fiscale, il Nemico interno, lo stato d’eccezione, catastrofi e terremoti, colpe collettive, la guerra contro il cash, la Schadenfreude, il pene di Berlusconi, la morte di dio, il cittadino trasparente, il denaro sterco del demonio, banchieri vampiri, padri che avvelenano i figli, caccie alle streghe, la privacy come perversione. Ovvero le strategie disperate di autolegittimazione inventate da una élite politica senza legittimità e senza progetto. Aspettando il Godot casareccio, aspettando Grillo.

  • Mito, Potere, Meduse, Sirene, grande finanza, stupri, paranoia, e Marco Revelli

    Una recensione a "I demoni del potere" di Marco Revelli

  • Maria Grazia Calandrone

    Maria Grazia Calandrone, poetessa, drammaturga, performer, organizzatrice culturale, autrice e conduttrice di programmi culturali per Radio 3, critica letteraria per il quotidiano “il manifesto”, cura la rubrica di inediti “Cantiere Poesia” per il mensile internazionale “Poesia”. Libri: Pietra di paragone (Tracce, 1998 – edizione-premio Nuove Scrittrici 1997), La scimmia randagia (Crocetti, 2003 – premio Pasolini Opera Prima), Come per mezzo di una briglia ardente (Atelier, 2005) La macchina responsabile (Crocetti, 2007), Sulla bocca di tutti (Crocetti, 2010 – premio Napoli), Atto di vita nascente (LietoColle, 2010), L’infinito mélo, pseudoromanzo con Vivavox, cd di sue letture dei propri testi (luca sossella, 2011) e La vita chiara (transeuropa, 2011); è in Nuovi poeti italiani 6 (Einaudi, 2012);

    Corpi alieni: M.G. Calandrone vede Fabiola Ledda