Questo sito utilizza i cookies. Maggiori info
  • Enrico Pozzi

    ENRICO POZZI insegna Psicologia Sociale all'Università di Roma ed è psicoanalista (Società Psicoanalitica Italiana). Ha pubblicato  Governare l'immaginario. Ovvero, Warburg guarda la TV, sul ruolo dell'immaginario, del mito, dell'inconscio e del corpo nella comunicazione politica televisiva agli inizi della cosiddetta Seconda Repubblica.
    Si occupa in questo momento del problema dell'obbedienza a ordini disumani.
     

    Il rischio del caso

    Il caso di Dora è la prima grande narrazione clinica di Freud. L'analisi delle sue strategie testuali
    indica a quali torsioni deve piegarsi la scrittura se vuole 'dire' in qualche modo l'inconscio e la complessità del racconto a due e a molti che si costruisce nella relazione analitica; per l'appunto, a livelli diversi, il rischio del caso.
     

    PDF
  • Stéphane Mallarmé

    Poeta francese (Parigi 1842 - Valvins, Fontainebleau, 1898). Fu uno dei massimi esponenti della poesia simbolista.

    Un tiro di dadi mai abolirà il caso

    Una poesia dipinta che è appassionata epistemologia del caso.

    PDF
  • Francesco Dimitri

    Ha studiato Scienze della Comunicazione all'Università di Roma I. Sta preparando con Francesco D'Orazio una indagine filmata sui Raeliani.

    Corpi dell'alieno

    Una classificazione dettagliata e un'analisi delle rappresentazioni dei corpi dell'alieno nell'immaginario collettivo. Il corpo extraterrestre riflette le ambiguità della nostra esperienza dei corpi e il nostro negoziato tra identità e diversità.

    PDF
  • Francesco D'Orazio

    Ha studiato Scienze della Comunicazione all'Università di RomaI. Sta  preparando con Francesco Dimitri una indagine filmata sui Raeliani.

    Apocalisse in dub. La manifestazione del sacro nelle messe di Aba Shanti I

    Le performance reggae di Aba Shanti I in Inghilterra vengono analizzate come un rituale di produzione del sacro. L'intreccio di dispositivi musicali sofisticati (il sound system), codici simbolico/religiosi (ras tafari) e tecniche dell'estasi trasforma uno spettacolo in una ierofonia.

    PDF
  • Gioia Ottaviani

    È ricercatrice presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell'università di Roma 'La Sapienza'. Si dedica da molti anni allo studio delle tradizioni teatrali della Cina e del Giappone e delle problematiche relative alla nozione di performance. Ha pubblicato: L'attore e lo sciamano, esempi di identità nelle tradizioni dell’Estremo Oriente (Roma 1984); Introduzione allo studio del teatro giapponese (Milano 1994); Lo spettatore, I'antropologo, il performer (Roma 1999) e numerosi saggi su riviste specialistiche.

    Corpo recessivo e 'in-corporazione' : la proposta della danza Buto

    Attraverso tecniche complesse di decostruzione corporea (il corpo nudo coperto di bianco, le posizioni che deformano il corpo senza mai fermarlo, il volto modificato e contratto fino al grottesco) il performer cerca di produrre un vissuto corporeo antecedente al linguaggio e alla socializzazione.

    PDF