Questo sito utilizza i cookies. Maggiori info
 

chi siamo

Nel 1963 nasce a Milano una rivista autogestita, IL CORPO. Pubblica 6 fascicoli che influenzano in modo duraturo una generazione. Uno dei suoi protagonisti, il poeta Giancarlo Majorino, la descrive come « un agglomerato di eterogenei, corpo, appunto; un piccolo campo spostato ». 

Nel 1993 abbiamo ripreso la logica e l'etica di quell'esperienza. Poetico, erotico, psicoanalitico, sociale, politico, filosofico, estetico, il corpo è la nostra area di lavoro prevalente. Ma è anche la metafora di una ricerca sistematica delle contaminazioni tra categorie e campi del sapere, contro la chiusura difensiva delle varie scienze sociali e delle loro corporazioni professionali.

Sempre « agglomerato di eterogenei », i 14 numeri de IL CORPO  pubblicano saggi sul corpo e sulle sue vicissitudini sociali; ma anche scritti su situazioni-limite del sociale (i suicidi collettivi), sui fondamenti paranoici della socialità e dell'ideologia, sulla leadership carismatica e sul simbolismo politico. E ancora: il delirio geloso, i corpi sociali dei potenti e dei divi, le logiche narrative del caso clinico, il pensiero visivo ... L'ultimo fascicolo della 2nda serie esce nel   2006.

La talpa scava ancora. IL CORPO rinasce, non più solo rivista, ma campo plurimo: libri, materiali, forme, diari di lavoro, notizie. Il palinsesto è diverso, lo strumento è nuovo. Quello che non cambia è il rifiuto degli oracoli e di ogni modalità di pensiero iniziatico o totalizzante. Ci ripugna chi cerca la verità nelle origini o in sacri testi, chi vuole rifondare la presunta purezza di qualcosa che è stato, chi si sente al suo giusto posto in un ruolo, in una visione del mondo, in una corporazione professionale, in una disciplina, o nel proprio corpo.  L'ibrido e lo straniero interno sono il nostro sguardo e il nostro metodo. Solo l'impuro è fertile, nelle menti come tra i corpi, nelle società come nel discorso.

Lordare i puri, distruzione creatrice, produrre l'informe: questa la visione e la missione de IL CORPO. Solo in questo modo, forse, "a poco a poco si rivelano in tutte le cose i segni contraddittori della servitù e delle rivolte" (G. Bataille, Le Jeu lugubre).

ilcorpo.com è un sito di Body&Society LAB, un osservatorio sulle rappresentazioni sociali e il corpo creato da Enrico Pozzi e Cristina Cenci

 

Contatti: redazione@ilcorpo.com